UNDER 18: torneo ad Alba Adriatica.

Raga, ci siamo tutti??  Allora saliamo sui pulmini!

Così iniziò ufficialmente il Torneo nazionale città di Alba Adriatica “memorial Colonnelli” per i ragazzi U18 di Villazzano (7 della squadra U18A e 5 U18B), svoltosi ad Alba Adriatica (Teramo) dal 28 aprile al 1 maggio. Dopo 7 ore di viaggio causa colonna all’altezza di Bologna e qualche giro ad Alba Adriatica per trovare il nostro Hotel, possiamo finalmente scendere dai pulmini e sgranchire un po’ le gambe, assaporando l’aria di mare che noi montanari tanto amiamo. Così dopo aver sistemato le borse in camera, andiamo a fare due passi sul lungomare per sgranchirci le gambe in vista della partita delle ore 19.45 contro Auxilium Genova.

Arriviamo dunque in palestra, stanchi dal viaggio ma carichi come non mai per iniziare questo torneo, consapevoli delle difficoltà che avremmo incontrato avendo formato una squadra da gruppi diversi e con solo 2 allenamenti assieme alle spalle. La partita con Genova la perdiamo 55 a 45, una brutta partita per entrambe le squadre, con gli avversari più bravi a tenere alta la difesa e ad andare a rimbalzo, mentre noi ci troviamo in difficoltà a liberare un compagno al tiro. Torniamo quindi in albergo amareggiati per la brutta partita, ma consapevoli che quelli scesi in campo era solo la brutta copia della squadra che è partita da Trento. Dopo una bella cena abbondante, andiamo quindi a dormire visto che il giorno dopo avremmo avuto 2 partite importanti, in cui dovevamo riscattarci.

Nella prima partita giornaliera affrontiamo Urania Milano alle ore 9.15, squadra campione l’anno scorso del torneo. La partita finisce 75 a 50 per Milano, squadra molto dotata tecnicamente e fisicamente, capace di inanellare punti consecutivamente ogni qual volta che provavamo a farci sotto. Risultato molto largo quanto bugiardo in quanto alla fine abbiamo calato notevolmente il livello.

Alle 15.45 scendiamo in campo contro Fontenuova Roma, squadra che come noi veniva da 2 sconfitte consecutive e quindi aveva voglia di rivalsa. La partita va in archivio con il punteggio di 63 a 50, finalmente si inizia a vedere il bel gioco di squadra, con tutti 12 i ragazzi coinvolti nella partita: i 5 in campo giocano assieme come se si fossero allenati tutto l’anno assieme e i 7 ragazzi in panchina tifano e tengono alta la concentrazione a chi è in campo. Torniamo quindi in Hotel giusto in tempo per fare una bella merenda, ma non prima di salutare il coach Nicolò Gilmozzi, che per motivi personali è dovuto rientrare a Trento anticipatamente.

Arriviamo così a lunedì 30 e ci concediamo finalmente un po’ di mare la mattina (oltre che a un meritato riposo nel letto!); ci rechiamo quindi in spiaggia a prendere il sole, a giocare a beach volley e a fare un tuffo nel mare, non temendo l’acqua fredda. Una volta tornati all’hotel, in attesa del pranzo, ci concediamo qualche tuffo in piscina assieme ai nostri nuovi amici/avversari di Roma, battuti il giorno prima. Nel pomeriggio affrontiamo Teramo Basket alle ore 15.30, anch’essa a una vittoria come noi. Partiamo male, anzi malissimo: 11 a 0 per loro con ben tre triple. Rialziamo la testa fino al punteggio di 11 a 4 e altra tripla subita ed è subito time out. Qui la squadra, pardon, il gruppo, è bravo a restare unito e pian piano rimontiamo fino al 61 a 58 per noi e 4° posto nel girone. L’unica nota negativa è stata l’infortunio a Emiliano, a cui viene dedicata la vittoria.

Alle ore 21.15 affrontiamo Virtus Foggia, ci presentiamo mentalmente carichi per la vittoria del pomeriggio, ma stanchi di gambe per la rincorsa durata tutta la partita. Purtroppo la nostra partita dura a malapena un quarto e non per meriti dell’avversario, ma per demeriti nostri. La partita finisce 70 a 57 per Foggia, riuscendo comunque a chiudere il giorno al 4° posto e con la possibilità di andare a giocare la finale per il 7°-8° posto.

La finale con Pall. Forlì 2.015 la perdiamo di 12 lunghezze, 38 a 50. Finale che lascia l’amaro in bocca essendo stati in vantaggio per quasi 3/4 del tempo, ma comunque resta la consapevolezza della buona prestazione corale e dello spirito di squadra che si è creato in questi giorni.

Il torneo lo concludiamo così all’8° posto su 12 squadre, ma più del risultato ci portiamo a casa tutti i sorrisi e i momenti d’ilarità che ci sono stati e del bel clima che questo gruppo è riuscito a creare in così poco tempo.

Ci mettiamo dunque in viaggio verso Trento e dopo le prime ore di dormita generale (autisti a parte) i pulmini si animano di vita, potendo così fare ritorno verso Trento con il sorriso sulle labbra.

Un ringraziamento speciale alla società Pallacanestro Villazzano per l’organizzazione del torneo, a Mirko per la gestione sul campo degli orari e di ogni minimo particolare e per tutti i sorrisi regalatoci, a Gilmo per il seppur breve soggiorno, in cui è riuscito a spronare la squadra, dentro e fuori dal campo, ed ai ragazzi per aver reagito di fronte a qualunque avversità e per essere stati capaci di creare un gruppo affiatato che noi mai avremmo immaginato di vedere.

“Un ringraziamento e un complimento per il futuro neo coach che ha iniziato la sua carriera con una vittoria quasi sulla sirena grazie a una gestione del gruppo esemplare. Bravo Omar” (Mirko).

Buona fortuna ragazzi, ci vedremo su un campo da Basket!!!.

omar